Associazione culturale "Luigi Battei" Blog

0

N2 – 05/2020 – Cittadini e vigili

di Alessandro Bosi – Responsabilità, scrive Samuele Trasforini nell’editoriale di Prospettiva di questo mese e conviene chiedersi se, sulla strada, la responsabilità sia sempre dei vigili e soltanto dei vigili.

2

Ripensando ai valori del 25 aprile

Il colonnello Donato Carlucci, Presidente dell’Associazione Nazionale Finanzieri in congedo della sezione di Parma, ricorda in questo articolo il credito acquisito nella Resistenza dalle ricostituite Forze Armate definite dagli Alleati “esempio per i popoli oppressi dell’Europa”.

0

N2 – 05/2020 – [Recensione] Civiltà, Città, Dialetti

di Francesco Gianola Bazzini – Il dialetto è una lingua e ogni lingua nasce dall’apporto di decine se non centinaia di generazioni, un grande laboratorio in cui si formano le identità collettive. Per rimanere  a quelle canoniche: cosa distingue un italiano da un inglese o da un russo o da un arabo se non in primis il linguaggio con cui si esprime? Orbene i dialetti sono una sottocategoria di queste identità. E parlando di sottocategorie non vogliamo farlo in senso riduttivo, ma anzi in senso positivo per quel ruolo creativo che nel campo socio-culturale svolgono e soprattutto hanno svolto nel passato

0

N2 – 05/2020 – Dall’errore antropocentrico alla primavera della speranza? Un appello alla riflessione e all’azione

di Luciano Mazzoni Benoni – La riflessione si svolge in 5 passi: dapprima uno sguardo sommario al panorama post-pandemia; quindi un suo raffronto col secondo dopoguerra; di qui una domanda: siamo di fronte a una primavera della speranza? Segue la segnalazione di una urgenza: servono ‘ospedali da campo’: e questo blog, nel quadro dell’iniziativa ‘Angelus novus’, può essere ritenuto uno di questi luoghi di risanamento. Infine l’appello alla decisione, senza la quale vana sarà l’attesa di quella primavera.

0

Prospettiva – Numero 1

Pubblichiamo il Numero 1 di Prospettiva, l’ambiente ideativo dell’associazione culturale “Luigi Battei”, contenente gli articoli di Antonio Battei, Giuseppe Turchi, Timothy Tambassi, Alessandro Bosi, Francesco Gianola Bazzini, Comunità Solidale Parma e Antonio Balzani, pubblicati...

0

N1.V – 04/2020 – Nuova era: l’utopia dell’ambiente

di Antonio Balzani – Le città sono sistemi viventi. Città che crescono. Politica, logistica, pianificazione: insediamenti residenziali e industriali non possono convivere facilmente e il cambiamento è necessario per ritrovare una nuova identità nel benessere!

1

N1.IV – 04/2020 – Ricominciamo? L’importanza del servizio sanitario territoriale periferico

di Comunità Solidale Parma – Questa epidemia ha colto il nostro sistema sanitario impreparato per quanto riguarda gli ospedali e il territorio (screening, monitoraggi, mascherine). Una organizzazione sanitaria territoriale adeguata avrebbe forse rallentato l’infezione, lasciando più tempo per la ricerca di efficaci strategie terapeutiche. Come Comunità Solidale Parma da anni proponiamo soluzioni innovative per il territorio (Casa della Salute o Casa del Quartiere) dirette ad affrontare le nuove sfide “imposte dalla globalizzazione”. Abbiamo ribadito in passato come fosse necessaria una ideazione ed una progettazione che veda dall’inizio coinvolti i diretti interessati (la popolazione) e gli attori dell’assistenza territoriale (innovazione del processo decisionale). A Parma c’è un eccellente modello di come possono essere stabilite alcune ipotesi di disegno progettuale e di come si possano realizzare: ci riferiamo all’Ospedale dei Bambini.

0

N1.III – 04/2020 – [Coronavirus] Riflessioni di un redattore al domicilio coatto (seconda puntata)

di Francesco Gianola Bazzini – La vita, la morte e la fede attraverso le parole di Santi, scrittori e poeti, una medicina se non per il corpo per l’anima. Alcune loro riflessioni sembrano scritte per questa Apocalisse che stiamo vivendo, Le avevamo in qualche modo messe nel cassetto dei ricordi. Ma gli eventi che ci hanno travolto ce lo fanno riscoprire, rispolverando molti nostri sentimenti che pensavamo fossero andati dispersi.